Oggi è il

La disavventura di un povero gatto nel canile e gattile regionale di Aosta

  • Pubblicato: Martedì, 12 Marzo 2019 13:34

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

povero gatto

SARRE. Ieri in tarda serata ho trovato sotto casa un gatto decisamente malconcio rintanato in un angolino. Aveva un evidente problema ad una zampa e molta difficoltà a muoversi ed era chiaramente spaventato. L'ho preso e portato nel garage per fargli passare la notte al riparo da possibili pericoli. Questa mattina, non sapendo nemmeno se fosse domestico o selvatico, mi sono ritagliato un po' di tempo e l'ho portato a Saint-Christophe per affidarlo alle cure dell'Avapa che gestisce il canile-gattile regionale.

L'addetta dopo un primo esame mi fa notare alcune cose: il micio non ha un microchip e sicuramente non è domestico, inoltre è chiaramente malato e non infortunato. E così mi comunica che da qualche tempo è attiva una convenzione con il Celva che prevede che i gatti malati e selvatici siano affidati al Comune in cui vengono trovati, in questo caso a Sarre, e non più a loro. Pertanto l'addetta mi invita a tornare a Sarre con il gatto ed a sentire la polizia locale per affidare a loro l'animale perché il canile-gattile non poteva accoglierlo.

Di fronte al mio stupore e alle mie proteste (avevo anche poco tempo a disposizione: il lavoro attendeva), l'addetta contatta la responsabile del canile-gattile che però ha confermato quanto detto prima: quel micio non è di loro competenza. A quel punto la stessa addetta si mette gentilmente in contatto con la Polizia locale di Sarre: "Salve, qui è il canile regionale abbiamo delle persone che non sono informate della convenzione che abbiamo con i Comuni e vorrebbero lasciarci un gatto malato. Quale è la struttura del comune di Sarre dove potrebbero portarlo?". Dopo qualche minuto gli uffici dell'ente rispondono che devono informarsi e che si sarebbero fatti risentire più tardi. A quanto pare però quella convenzione è rimasta soltanto sulla carta. Vista la situazione, dopo un'attesa di mezz'ora il micio alla fine è stato stato accolto nella struttura di Saint-Christophe.

Qualche riflessione sull'esperienza. La convenzione con il Celva ha il pregio di voler ottimizzare i servizi, ma implica alcuni aspetti non di poco conto. Anzitutto chi soccorre un animale in difficoltà deve essere in grado di capire se è malato o ferito e se è malato a causa di una ferita o viceversa se si è infortunato a causa di una malattia. E poi possibilmente dovrebbe capire se l'animale è selvatico o domestico (sembra banale, ma un gatto domestico ferito o malato dopo giorni di vagabondaggio è ben difficile da riconoscere). Quindi se il malessere dell'animale è dovuto ad una malattia, la persona dovrà contattare la polizia municipale del comune di competenza (quello in cui è stato trovato l'animale) sperando che la convenzione con l'Avapa sia stata effettivamente attivata. Se invece l'animale è ferito, può essere portato al canile-gattile regionale.

Aiutare un animale in difficoltà è un gesto importante tanto per l'animale quanto per la tutela della salute pubblica. E' anche importante razionalizzare i servizi nel territorio, qualunque essi siano, ma prima di attivare una convenzione di qualsiasi genere il buonsenso imporrebbe di verificare che tutti i soggetti coinvolti siano in grado di farla rispettare e, perché no, di informarne il territorio. Introdurre invece burocrazia e rimpallare persone ed animali bisognosi di cure da un ente all'altro rischia di avere un effetto controproducente.



 

Marco Camilli

 

 





Altre news di attualità

Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075