Oggi è il

Al carcere di Brissogne è di nuovo allarme sovraffollamento

  • Pubblicato: Venerdì, 24 Maggio 2019 16:11
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Pin It

carcereBRISSOGNE. Celle sovraffollate, condizioni igieniche da migliorare, problemi gestionali, predominanza di stranieri e un forte turn over: la situazione della casa circondariale di Brissogne è ben lontana dal migliorare.

A mettere l'accento ancora una volta sulla condizione precaria del carcere valdostano è il Garante dei diritti dei detenuti, Enrico Formento Dojot.

Nel 2018 la struttura è tornata ad ospitare più persone di quelle che potrebbe: 221 a fronte di 181 posti regolamentari. 153 sono stranieri, poi ci sono i collaboratori di giustizia italiani. «Nel corso del 2018 una sezione è stata chiusa e quelle aperte, di conseguenza, sono più affollate», spiega Formento Dojot.

L'eccessiva popolazione carceraria è soltanto uno dei problemi della casa circondariale. Per usare le parole di Formento Dojot, «Brissogne oggi più che mai riveste il ruolo di "polmone" rispetto a criticità di affollamento di altre istituti limitrofi». Quando cioè altre carceri italiane sono al collasso, i detenuti vengono spostati a Brissogne per il tempo necessario. Poi vengono ritrasferiti provocando «un elevato turn over e un'abbondante presenza di stranieri».

Tanti detenuti che cambiano spesso, mancanza di spazi, problemi con le docce e, a livello di gestione, nessuna linea di azione ben definita. «L'assenza di una precisa identità - dice a tal proposito Formento Dojot - si ripercuote anche sulle iniziative promosse in tema di lavoro e di formazione», quelle che aiutano i detenuti a rifarsi una vita lontana dall'illegalità una volta scontata la condanna.

«È statisticamente provato - sottolinea il garante - che l'acquisizione di abilità e la loro spendibilità al ritorno alla vita libera è di gran lunga il migliore antidoto alla recidiva, che viene abbattuta drasticamente. Spesso i detenuti mi confidano di voler cambiare vita, ma quando si lasciano alle spalle le mura dell'istituto si scontrano con concrete e impellenti difficoltà nel rinvenire mezzi di sostentamento per sé e per i loro cari».

 

 

 

 

 

Marco Camilli

 

 

 



Altre news di attualità

 

 
ANNUNCIO DI LAVORO
C.V.A. S.p.A. ha indetto l'avviso di selezione finalizzato all'individuazione di due risorse, in possesso di laurea triennale da inserire all'interno dell'Ufficio Segreteria di Direzione con contratto a tempo indeterminato, tempo pieno. La sede di lavoro è nel comune di Châtillon. È possibile reperire tutte le informazioni necessarie sul sito www.cvaspa.it

 

 
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
AostaOggi.IT è un prodotto della testata giornalistica WEBITALYNEWS
Direttore responsabile Luigi Palamara
Direttore editoriale Marco Camilli
Registrazione Tribunale di Aosta N° 01/05 del 21 Gennaio 2005
P.IVA 01000080075