Variazione di bilancio, arriva l'ok della seconda Commissione

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Consiglio regionaleAOSTA. Ottenuto il parere positivo del Consiglio permanente degli enti locali, oggi la II Commissione consiliare ha dato il via libera alla prima variazione del bilancio di previsione della Regione autonoma Valle d'Aosta presentata dal governo Fosson a metà marzo.

La manovra vale 32,9 milioni di euro per il 2019, 13,5 milioni per l'anno successivo e 23,5 milioni per il 2021 e contiene degli emendamenti proposti dagli enti locali. Alcuni saranno inseriti in un nuovo testo preparato dalla Commissione e successivamente i due disegni di legge arriveranno in consiglio regionale nella convocazione in calendario il 17 e 18 aprile.

Il parere favorevole è arrivato a maggioranza, con il voto contrario di Lega e Mouv' e l'astensione del Movimento 5 stelle, nel corso di una riunione convocata d'urgenza in cui spiccava l'assenza dell'assessore al turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali Laurent Viérin.

«Il non aver presenziato ai lavori della Commissione, peraltro convocata d'urgenza proprio per effettuare le audizioni previste dall'ordine del giorno, è una grave mancanza di rispetto nei confronti della stessa», ha commentato il leghista Stefano Aggravi. Il membro del governo è stato sostituito dal coordinatore dell'agricoltura con il quale « si sono potuti affrontare solo gli aspetti tecnici relativi alla variazione di bilancio, per gli aspetti di carattere politico sarebbe stata opportuna e necessaria la presenza dell'Assessore», aggiunge.

Roberto Cognetta, del Mouv', ha rincarato la dose: la partecipazione dell'assessore Viérin «era fondamentale per fornire risposte politiche su di un argomento per cui le spiegazioni tecniche del solo dirigente non sono sufficienti per permettere di capire gli orientamenti dell'Amministrazione". Il consigliere di minoranza ha parlato inoltre di «una grave mancanza di rispetto per un organo istituzionale del Consiglio» da parte dell'esponente di giunta.

 

 

 

 

Marco Camilli